skip to Main Content
Scenario Italia, Al Via La Conferenza Sulla Sicurezza Di Monaco

Scenario Italia, al via la Conferenza sulla Sicurezza di Monaco

  • News

Ucraina e Medio Oriente al centro del summit annuale sulle politiche di sicurezza internazionale. Presenti, oltre alla Presidente della Commissione Ue, anche i Segretari generali della Nato e dell’Onu.

A Monaco la Conferenza sulla sicurezza. Il meeting, dedicato ai conflitti in Ucraina e Medio Oriente, vede la partecipazione dei leader globali riuniti per discutere del futuro della difesa internazionale. Intervenendo sul ruolo dell’Europa, la Presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha annunciato una strategia per l’industria europea della difesa, dichiarando che l’Ue deve investire “di più e meglio”. A farle eco anche le parole del Segretario della Nato, Jens Stoltenberg, che sul sostegno all’Ucraina ha ribadito la necessità di “passare dal ritmo lento del tempo di pace alla produzione ad alto ritmo richiesta dal conflitto”.

“La globalizzazione ha indebolito i valori liberali nei Paesi che ne erano i principali sostenitori”. Le parole di Mario Draghi alla Nabe Economic Policy Conference risuonano come un monito agli stati europei, invitati a rivedere le politiche comunitarie di bilancio per far fronte alle sfide dei prossimi anni, dalle transizioni digitali ed ecologiche alle “minacce di autocrati nostalgici”. Secondo l’ex premier italiano il bilancio europeo “sarà chiamato a svolgere un ruolo molto significativo, con deficit pubblici più alti e un incremento degli investimenti per affrontare le disuguaglianze in materia di ricchezza e reddito”.

La disinformazione online ridisegna il conflitto in Medio Oriente. Attraverso una fitta rete di siti web, la piattaforma “Visegrad 24” continua ad alimentare fake news sulle azioni militari nella Striscia di Gaza. In Ucraina il governo annuncia la produzione interna di droni e missili sotto il coordinamento del Ministero del Digitale, mentre la Francia scopre Portal Kombat, nuovo portale di propaganda e disinformazione russa. Con l’avvicinarsi delle elezioni europee, cresce il timore nei confronti dell’impatto dell’intelligenza artificiale sui social e TikTok comunica la nascita di nuovi centri di controllo in ogni Paese dell’Unione.

Scarica la nota di aggiornamento completa

Back To Top